Habitat immaginari

HABITAT IMMAGINARI – SOGGIORNI ITINERANTI E CONVERSAZIONI.

senza scarpe, senza parole…

Venerdì 22 settembre, presso la Stazione Marittima di Porto Torres, non perdete l’appuntamento con “Habitat Immaginari”, a cura di Theatre En Vol, un progetto nato nel 2006 dedicato al coinvolgimento della comunità nella reinterpretazione dei luoghi pubblici.

Un tappeto accogliente e un paesaggio sonoro avvolgente creeranno delle aree riservate ed accoglienti, dove i passanti saranno invitati ad intrattenersi in conversazioni non verbali con alcuni degli artisti coinvolti nel festival. Uscire per un momento dalle proprie scarpe, lasciarsi andare a un’esperienza fuori dal quotidiano, dall’ordinario. E a piedi nudi percorrere strade immaginarie. Sospendere il tempo. Farsi coinvolgere da uno sguardo, un sorriso, un contatto, uno scambio, un incontro per poi passare oltre a costruire nuovi contatti o rinfilarsi le scarpe, rientrare nel proprio tempo e riprendere la propria strada.

Il Progetto

HABITAT IMMAGINARI è un laboratorio collettivo e interattivo, multiforme e multidisciplinare volto al coinvolgimento della cittadinanza nella reinterpretazione dei luoghi pubblici, oltre che un preziosissimo attivatore di sinergie e stimoli.
E’ un concetto, è un luogo concreto che vuole stimolare l’azione e la collaborazione. E’ un invito a fermarsi per chiacchierare, suonare, ascoltare, colorare, danzare o semplicemente per il piacere di stare a guardare e lasciarsi toccare da ciò che accade per strada.

Nato come progetto speciale è divenuto un appuntamento fisso di Girovagando, Festival Internazionale di Arte in Strada che con apparizioni sempre più frequenti negli ultimi anni cerca di riflettere sui cambi di prospettiva, attraverso un percorso partecipato sulla trasformazione della città e del suo tessuto urbano.

E’ un laboratorio multiforme che si avvale di diverse figure: attori, danzatori, scenografi, grafici, fotografi che tramite il colore trasformano lo spazio urbano e danno vita a nuovi habitat attraverso percorsi performativi, installativi e sensoriali, salotti all’aria aperta temporanei e fissi che riproducono ambienti di vita.
Realizza “visite guidate” multicolore operando in angoli della città poco conosciuti e lavorando principalmente con materiali di recupero, per creare una formula di bellezza ospitale di vasta molteplicità che ridisegna una città per gli abitanti di qualunque luogo.

L’obiettivo principale di Habitat Immaginari è quella di vivere e reinterpretare gli spazi urbani come luogo di incontro e di scambio, di cui ciascuno di noi è responsabile, coinvolgendo l’umanità multietnica e dandogli un senso di spazio comune.